Keep Calm and Knit!
Knit-House Unfilodi
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Lana ferro, chi la conosce? (1 in linea) (1) Ospite/i
Caratteristiche, pregi, difetti, composizioni, applicazioni, sostituzioni.

Vai alla fine pagina Rispondi al post Preferiti: 0
Discussione: Lana ferro, chi la conosce?
#35492
knithouse (Amministratore)
Knit-House
Admin
Posts: 279
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Femmina unfilodi.com Residenza: Carate Brianza (MB) Compleanno: 2003-06-01
Lana ferro, chi la conosce?
6 anni, 5 mesi fa
Karma: 17  
Vi giro la mail di Alexia che aspetta una risposta:
Sono una vs. Cliente da Venezia, vi chiedo se sapete cos' la lana ferro.
Oggi una signora mi ha fatto vedere dei capi fatti da sua nonna 40 anni fa con questa lana. Sono capi che sono stati usati e lavati tantissimi volte e sembrano appena confezionati. La signora diceva che erano piccoli gomitoli, costosi ma che rendevano moltissimo. Sono rimasta sorpresa davanti alla
morbidezza e leggerezza del capo che per caldissimo. Potrebbe sembrare mohair ma non lo ...

cos'?
 
 
Unfilodi Knit-House
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#35512
alicetwain (Utente)
KnitFever 41C
Posts: 2978
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Sesso: Femmina AT Knits Residenza: Sesto San Giovanni Compleanno: 1971-03-30
Re:Lana ferro, chi la conosce?
6 anni, 5 mesi fa
Karma: 82  
Io conosco la cosiddetta "iron wool", che veniva usata tradizionalmente per la costruzione dei maglioni della tradizione Guernsey (diffusa lungo dle coste della Gran Bretagna ma anche della Normandia e dell'Olanda). Si trattava di lana di pecora inglese di razze miste ritorta a 5 capi con una terosione piuttosto alta, tinta col guado e quindi lavorata con ferri piutosto piccoli per ottenere una texture estremamente compatta. I capi guernsey potevano durare parecchi decenni di uso intensivo da parte dei pescatori: col tempo il colore stingeva virando prima al verde, quindi al grigio e infine tornando al panna originario. A causa della peculiare costruzione (il capo, lavorato quasi interamente in tondo, veniva avviato dal bordo inferiore, terminato il busto e cucite le spalle, le maniche venivano lavorate a scendere dallo scalfo) era facile sostituire la parte inferiore del busto e le maniche sotto al gomito, laddove era pi facile si formassero buchi o si rompesse il bordo.
 
 
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all´inizio della pagina Rispondi al post
Powered by FireBoardscarica gli ultimi posts sul tuo computer!